Basilica di San Pietro al Monte

Edificio religioso, tra i pi¨ belli e rappresentativi del romanico europeo, situato insieme all'Oratorio di San Benedetto a 700 m dĺaltezza sul monte Cornizzolo. Faceva parte del complesso dell'Abbazia benedettina di Civate, che comprendeva anche la Basilica romanica di San Calocero, oltre a San Nazaro, San Vito e una chiesa dedicata al Battista, non identificata.

Il pi¨ antico documento sul complesso risale alla metÓ del IX secolo e parla di una presenza di 35 monaci benedettini, capeggiati dall'abate Leutgario, legato al Monastero di San Gallo in Svizzera; nel 850 il corpo di San Calocero fu trasportato nella Basilica di San Calocero, matrice del monastero.
Nel 1097, Arnolfo, vescovo di Milano volle essere sepolto proprio a San Pietro al Monte. Qui il presule si era ritirato alcuni anni prima, in cerca di pace, dopo i duri scontri seguiti alla sua discussa elezione. E proprio alla fine dell'XI secolo possono essere datati alcuni dei pi¨ importanti lavori che ampliarono e abbellirono la mirabile chiesa di Civate.

L'orientamento originale fu rovesciato creando un edificio dotato di un insolita doppia abside, di cui quella orientale veniva a costituire la facciata.
Una monumentale scalinata permetteva l'accesso, mentre attorno all'ingresso un ampio atrio semicircolare a due piani, uno ad altezza chiesa e l'altro ad altezza cripta, aperto a bifore, accoglieva i pellegrini, dando loro il conforto di un riparo. Schieratosi con il Barbarossa durante la guerra fra l'imperatore tedesco e il libero Comune di Milano, il monastero di Monte Pedale fu duramente punito dagli ambrosiani che ne distrussero le parti conventuali, rispettando tuttavia la chiesa ed i suoi ornamenti. La comunitÓ benedettina cess˛ cosý di risiedere stabilmente a San Pietro, vegliata da allora solo da pochi monaci che pi¨ di altri sentivano il richiamo dell'eremo. Quattro secoli pi¨ tardi, a metÓ del Cinquecento, la vita religiosa del luogo fu ravvivata da alcuni Olivetani, che furono infine cacciati nel 1798 dalle soppressioni della Repubblica Cisalpina.

Esternamente le quattro fronti cuspidate ospitano rilievi in stucco, con i bellissimi simboli degli evangelisti negli spigoli. Stucchi mirabili nel modellato, splendidi per espressivitÓ, che ritornano nella cripta, il luogo pi¨ intimo e riservato del santuario, dedicato alla Vergine e al tema dell'incontro di Dio con l'uomo, della manifestazione del divino nella storia. Oggi come allora, dopo aver gustato di tanta meraviglia, dopo aver partecipato ai sacri riti, volgendosi indietro il fedele sĺimbatte nel grandioso affresco della controfacciata, raffigurante l'apocalittica battaglia tra il terribile drago e gli angeli che difendono la -donna vestita di sole-" e il figlio nascente.


« INDIETRO

 
Mappa:



lake Como tourism
tommstudio - Web Solutions
Via D.in Guerra, 36
Italy 22015 Gravedona (CO)
P.IVA 02948970138
email: info@tommstudio.it


Sitemap :: I servizi LarioOnLine

lago di Como -  lake Como -  Comer see -  Lac de C˘me -  Comomeer
OspitalitÓ lago di Como -  Guida turistica d'Italia -  Domaso Lago di Como
Gravedona Lago di Como -  Hotel, Camping, Appartamenti Domaso Lago di Como